Domanda:
Se la velocità della luce è costante, perché non può sfuggire a un buco nero?
Zaibis
2016-06-09 17:20:54 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Quando la velocità è il percorso percorso in un dato tempo e il percorso è costante, come per $ c $, perché la luce non può sfuggire a un buco nero?

Potrebbe volerci molto tempo prima che accada, ma non dovrebbe esserci un po 'di luce che fuoriesce ogni tanto?

Immagino che, poiché il tempo è infinito all'interno di un buco nero, questa sarebbe una possibile ragione, ma non significherebbe che avremmo bisogno di una massa infinita?

Ciò che contraddice la misurazione dei buchi neri nelle masse solari, significa che non contengono massa infinita.

Allora come può essere?

Questo è impreciso in un certo senso, ma aiuterà la tua intuizione: dalla prospettiva di qualsiasi oggetto (incluso un raggio di luce) all'interno di un buco nero, la * distanza * esterna all'orizzonte degli eventi è infinita.
Non vi è alcun percorso nel tempo che il "raggio di luce" potrebbe intraprendere che lo porterebbe al di fuori dell'orizzonte degli eventi.Lo spaziotempo è piegato * così tanto *.
I buchi neri distorcono lo spazio-tempo nella misura in cui lo spazio-tempo è effettivamente avvolto su se stesso.Qualsiasi luce emessa seguirà la curva.La velocità di fuga richiesta supera la velocità della luce - niente di meno e brilla.
perché il tempo si dilata se sottoposto alla gravità
Se, dopo aver spento i suoi propulsori, la velocità del veicolo spaziale è costante, perché non può sfuggire alla Terra?Solo perché sta viaggiando a una velocità particolare, non significa che stia viaggiando abbastanza velocemente *. *
@Shane: ma mi chiedo solo come qualcosa possa "surclassare" la cosa più veloce che esiste?
Usain Bolt è l'uomo più veloce del mondo.Ciò non significa che sia abbastanza veloce da superare un proiettile.In un certo senso, in un buco nero lo spazio è più deformato di quanto la luce sia veloce.La velocità della luce è la massima velocità possibile.È il limite di velocità dell'universo.La gravità non ha limiti.Se continui ad accumulare materia in un punto, la gravità diventa più forte (lo spazio diventa più curvo).Il come / perché un limite è più alto dell'altro implicherà un sacco di matematica che non conosco e probabilmente dovrebbe essere una domanda diversa.
https://en.wikipedia.org/wiki/Shapiro_delay
https://en.wikipedia.org/wiki/Penrose_diagram#Black_holes
@Shane no non lo è.La velocità di un oggetto è costante solo quando l'accelerazione è 0, cosa che accade quando la somma delle forze è nulla, cioè non quando viene tirato indietro a terra dalla gravità.
La velocità della luce è costante (nel vuoto) ma la sua quantità di moto no.Il campo gravitazionale si piegherà e sposterà la luce verso il rosso.La luce che passa vicino a un buco nero viene influenzata allo stesso modo, piegandosi verso la massa in risposta al campo.All'orizzonte degli eventi, la luce è piegata su se stessa e spostata sul rosso a zero.La sua velocità non è cambiata, ma il suo percorso e la sua frequenza sono stati.
@njzk2 Non c'è accelerazione sull'oggetto dalla gravità nella relatività generale.Questa è una parte enorme della brillantezza della relatività generale: la massa gravitazionale è uguale alla massa inerziale * perché la gravità è una forza inerziale * (in GR).Inizi ad accelerare solo quando tocchi il suolo.È vero, gli oggetti con la velocità della luce sono ancora speciali: seguono geodetiche nulle, piuttosto che simili al tempo.Le analogie non sono molto utili per una comprensione profonda :)
E se l'oscurità viaggiasse più velocemente?
@choz: Come puoi considerare l'assenza di qualcosa come un "viaggio"?E anche se: in che modo l'assenza di luce dovrebbe espandersi più velocemente quando la presenza di luce si riduce?Ciò significherebbe che a un certo punto nessuna luce sarebbe stata luce.
@Zaibis È solo una mia supposizione, senza prove di sorta.Immagino che la luce o l'oscurità abbiano le sue fonti da dove provengono.Ovviamente ci sarebbe luce in un punto in cui la fonte di luce è effettivamente più vicina della fonte di oscurità.
@choz: questo è un falso presupposto.Dopotutto, l'universo non conosce nemmeno la luce o l'oscurità, questo è solo ciò che riceviamo sui nostri recettori (occhi), i nostri occhi misurano solo le onde luminose e lasciano che il nostro cervello le elabori, mentre mostra l'immagine "nella nostra testa".ERGO: Ci sono onde luminose che viaggiano a una velocità specifica.E lo spazio in qualsiasi punto li ospita o no.Ma non c'è niente come "ying-yang", "dark-light" o "good-evil".C'è solo luce, la ricevi o non la ricevi.La "velocità dell'oscurità" è necessariamente la stessa di $ c $, poiché è solo la velocità con cui la luce lascia lo spazio.
@Shane Questa è una meravigliosa spiegazione laica, e anche una grande analisi logica dei difetti in cui si possono inciampare acriticamente usando l'affermazione che $ c $ è la "velocità più veloce".Dovrò ricordarmelo.Direi quasi di postarlo come risposta, ma sfortunatamente potrebbe essere sottovalutato per non "essere abbastanza tecnico", ma io lo voterei.Forse la prefazione come una "spiegazione laica per completare le altre risposte": dovremmo essere in grado di pubblicare risposte come la tua perché io, per esempio, cerco sempre buone spiegazioni non tecniche di cose che conosco in modo da poter trasmettere una buona sintesi laica.
La gente pensava che un secondo fosse un secondo e chiedevano a Einstein di spiegare come il tempo può essere relativo.Diceva che se la tua mano è su un fornello caldo, ogni secondo sembra un'eternità.Se la tua mano è su una bella donna, un'eternità sembra un battito di ciglia.È una risposta completamente non scientifica.Non aiuta nessuno a capire realmente la sua teoria della relatività.* Ma *, consente a un laico * di accettare il concetto * che il tempo è relativo.Per farla breve;Anche Einstein sarebbe stato votato all'oblio su questa pila;) Grazie per le belle parole!
Otto risposte:
#1
+72
Selene Routley
2016-06-09 17:39:33 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La velocità $ c $ costante è tale quando misurata localmente rispetto a un frame in caduta libera ( ie uno per il quale tutti i punti seguono la geodetica spaziale rispetto alla metrica $ g $). Locale significa che l'estensione del fotogramma deve essere "abbastanza piccola" da poter essere considerata piatta : pensala come uno zoom sulla varietà dello spaziotempo, che è un oggetto, con un ingrandimento tale da non poter vedere alcuna deviazione apprezzabile dallo spaziotempo di Minkowski (che è l'analogo dello spaziotempo dello spazio euclideo piatto, che probabilmente hai incontrato). Al contrario, la velocità della luce misurata da un osservatore distante può variare nello spaziotempo generalmente curvo.

La formulazione della tua domanda suggerisce che immagini di essere seduto in un punto all'interno dell'orizzonte, e poiché l'output del tuo puntatore laser deve schizzare fuori alla costante $ c $ e l'orizzonte è solo una distanza finita sopra di te, deve raggiungere l'orizzonte e partire.

Ma la geometria non è come questa immagine del pensiero quotidiano. Il punto su un orizzonte degli eventi è che non è nel futuro di qualsiasi evento all'interno dell'orizzonte. La distorsione dello spaziotempo dovuta alla piattezza è così grave che anche il futuro ramo delle geodetiche simili alla luce non la intersecherà. Puoi raggiungere l'orizzonte solo da un evento al suo interno viaggiando indietro nel tempo .


S Alcune domande e risposte dai commenti

L'utente PeterA.Schneider chiede:

"la velocità della luce misurata da un osservatore distante può variare nello spaziotempo generalmente curvo": è la prima volta che lo sento. Sei sicuro? (Considerando che essenzialmente tutto lo spazio-tempo è curvo.)

a quale domanda risponde in modo eloquente l'utente Jan Dvorak:

non preoccuparti, riprenderà la velocità di c una volta che ti sarà abbastanza vicino, se lo farà. Tuttavia, la sua lunghezza d'onda quando ti incontra potrebbe differire drasticamente dalla sua lunghezza d'onda quando ha lasciato la sua sorgente.

e vorrei spiegare la risposta di Jan in modo un po 'più completo. Puoi dedurre la velocità di qualcosa confrontando i cambiamenti nelle tue coordinate spaziali e temporali per quell'oggetto. Cominciamo dalla relatività speciale, dove inizialmente entrambi gli osservatori tracciano l'Universo secondo le coordinate di Minkowski. Il fatto che il tuo orologio e i tuoi righelli misurino gli stessi intervalli in modo diverso da quello che fa il lontano non porta nessuna sorpresa (almeno a qualcuno che ha studiato a fondo SR) perché c'è un unico, ben definito trasformazione che mapperà le tue coordinate per gli eventi alle coordinate dell'osservatore distante, e viceversa. Quella trasformazione è la trasformazione di Lorentz (propria, ortocrona), che ha la proprietà che $ c $ è misurata per essere la stessa dal punto di vista di entrambi gli osservatori.

In generale, lo spaziotempo curvo è impossibile definire una trasformazione unica tra due frame locali che ci consentirebbe di confrontare direttamente le velocità misurate delle cose in questo modo. Vediamo perché è così.

Reimmaginiamo il nostro scenario sopra: siamo ancora nello spaziotempo di Minkowski con la stessa fisica e facendo SR, ma con nuove coordinate. In ogni punto dello spaziotempo, ruotiamo e aumentiamo leggermente i fotogrammi di "riferimento" in modo che i punti vicini abbiano le loro direzioni di riferimento e gli intervalli di tempo leggermente diversi. Questo è del tutto analogo al tracciamento del 3-spazio euclideo mediante, diciamo, coordinate sferiche. A livello locale, le direzioni di riferimento (di aumento di $ r $, $ \ theta $ e $ \ phi $) vengono ruotate da quelle cartesiane, e tale rotazione varia uniformemente con la posizione. Ora c'è un'infinità molto grande di modi per eseguire una tale trasformazione gauge : possiamo scegliere direzioni e intervalli di tempo unitari in qualsiasi modo desideriamo purché la variazione sia regolare e che le trasformazioni limitanti come la distanza tra i punti si restringono è una trasformazione di Lorentz.

Quindi ora, in queste nuove coordinate, come confrontiamo le velocità misurate se ci venissero fornite solo queste coordinate? Bene, potremmo semplicemente muoverci nello spazio e nel tempo lungo un percorso regolare scelto, effettuando le piccole trasformazioni di Lorentz tra sistemi di riferimento vicini e moltiplicandoli tutti insieme per ottenere una trasformazione complessiva per questo percorso. Ma potremmo scegliere un'infinità di percorsi fluidi per farlo. Quindi, se ci vengono fornite solo queste coordinate, non è immediatamente ovvio che non otterremmo una risposta diversa da questa procedura se prendessimo un percorso fluido diverso tra i due punti.

Ma lo facciamo, perché questo è ciò che flat significa, per definizione .

Possiamo sempre trasformare le nostre strane coordinate nello spaziotempo di Minkowski se e solo se il risultato del nostro calcolo non dipende dal percorso. Il risultato del cosiddetto trasporto parallelo di un vettore attorno a un ciclo è sempre la trasformazione dell'identità. Un corollario di questo fatto è che esiste una trasformazione ben definita tra i due osservatori che ci consente di confrontare le velocità misurate: non importa se la calcoliamo lungo il percorso A o B tra due punti: la risposta deve essere la stessa poiché l'inverso di una trasformazione deve invertire l'altra per ottenere la trasformazione dell'identità attorno al ciclo. Quindi, in teoria, possiamo ancora calcolare ciò che l'altro osservatore osserverebbe localmente da lontano nelle nostre strane coordinate.

Se sei arrivato fino a qui con questa spiegazione, allora la Relatività Generale è ora solo un piccolo passo concettuale. Nello spaziotempo curvo , la trasformazione operata sui vettori dal trasporto parallelo attorno a un ciclo non è in generale la trasformazione dell'identità. Quindi non esiste un modo ben definito per confrontare le velocità da lontano, almeno dal proprio quadro di coordinate.

Questo è ciò che "curvo" significa, per definizione: "olonomia" non banale nel trasporto parallelo attorno a percorsi chiusi

E questo è ciò che le persone intendono quando dicono che "la velocità coordinata della luce può essere ottenuta con qualsiasi cosa in GR". Ma se un osservatore distante misura la velocità della luce continuamente, ripetutamente e a intervalli di tempo regolari misurata dal suo orologio in un laboratorio che portano con sé, e poi ti invia il risultato, tutti i loro rapporti a te saranno che la loro misurazione non ha non è cambiato, anche se l'intervallo tra i rapporti che vengono impostati regolarmente dal loro orologio può raggiungerci a intervalli estremamente variabili dal nostro orologio.

Un'altra analogia che potrebbe aiutarti è la $ 2 $ -sfera, quella che chiamiamo una "palla" nel linguaggio quotidiano, rispetto all'aereo. Sul piano, i piani tangenti al piano sono ovunque lo stesso spazio vettoriale: c'è un modo univoco per trasporto parallelo il piano tangente in qualsiasi punto a quello in qualsiasi altro punto. Sulla palla, non è così. I piani tangenti in punti diversi non sono lo stesso piano. Sono isomorfi come spazi vettoriali, ma non sono la stessa cosa. In particolare, non esiste un modo universale ben definito di confrontarli, o di assegnare basi di riferimento a tutti i punti in qualsiasi patch di estensione finita, perché, sulla sfera, il trasporto parallelo di vettori attorno ad anelli porta sempre ad un cambiamento del vettore quando torna al punto iniziale. Infatti, una sfera ha una curvatura costante, il che significa che la rotazione del vettore determinata dal trasporto parallelo del loop è proporzionale all'area racchiusa dal loop.

"la velocità della luce misurata da un osservatore distante può variare nello spaziotempo generalmente curvo": è la prima volta che lo sento.Sei sicuro?(Considerando che essenzialmente tutto lo spazio tempo è curvo.)
@PeterA.Schneider non preoccuparti, riguadagnerà la velocità di "c" una volta che ti si avvicina abbastanza, se lo fa.Tuttavia, la sua lunghezza d'onda quando ti incontra potrebbe differire drasticamente dalla sua lunghezza d'onda quando ha lasciato la sua sorgente.
"Puoi raggiungere l'orizzonte da un evento al suo interno solo viaggiando a ritroso nel tempo."- Poiché l'antimateria è come la materia invertita nel tempo ... la risposta alla mia domanda sarà "no?"
Lo studio dei buchi neri ci ha portato una grande comprensione dell'universo che ci circonda, e anche risme e risme di terribili fantascienza.
@PeterA.Schneider Assolutamente sicuro.Le parole cruciali qui sono "come misurato da un * distante * osservatore".Vedi le mie spiegazioni aggiornate alla fine.
Amico, i buchi neri sono * fantastici *
@Kevin L'antimateria è come la materia invertita nel tempo solo nel senso dei diagrammi di Feynman
Minor nitpick (non puoi modificare senza cambiare più lettere): hai scritto male "spazio-tempo" come "spazio-tempo" nel primo paragrafo.
#2
+34
John Rennie
2016-06-09 20:05:54 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Supponi di stare galleggiando in un fiume e di avere con te un modello di barca, chiamato SS Lightray , che può percorrere 3 m / sec attraverso l'acqua. Quando si imposta la barca che viaggia a monte per quanto ti riguarda, sta facendo 3 m / sec. Ma sono in piedi sulla riva a guardare il fiume che scorre a 1 m / sec, quindi quando guardo la tua barca la vedo viaggiare a una velocità netta di 2 m / sec e non di 3 m / sec.

Ora il fiume si restringe e accelera fino a 4 m / sec. Per quanto ti riguarda sei seduto immobile in acqua e quando rimandi la barca a monte sta ancora viaggiando a 3 m / sec. Tuttavia dalla riva del fiume vedo che la barca sta viaggiando a valle, cioè la sua velocità a monte è di -1 m / sec. La barca non può viaggiare abbastanza veloce da avanzare contro il flusso del fiume.

Piuttosto sorprendentemente un argomento molto simile a questo si applica al movimento della luce lontano da un buco nero. Si chiama River Model e ecco un link a un documento scientifico che fornisce i dettagli. Più formalmente questa tecnica è un'analisi del movimento della luce utilizzando le coordinate Gullstrand – Painlevé. Ho usato questa tecnica per spiegare perché la luce non può sfuggire da un buco nero nella mia risposta a Perché un buco nero è nero?.

La velocità locale della luce è sempre $ c $, ma se utilizzi le coordinate Gullstrand – Painlevé per analizzare cosa accade all'orizzonte degli eventi, scopri che:

  1. all'orizzonte stai cadendo verso l'interno alla velocità della luce

  2. Rispetto a te la luce viaggia verso l'esterno alla velocità della luce

  3. quindi la velocità netta della luce lontano dall'orizzonte degli eventi è zero

Ed è per questo che la luce non può sfuggire dal buco nero.

La velocità netta della luce non cambia mai, è sempre costante, ciò che cambia è solo la sua traiettoria.All'interno di un buco nero la traiettoria è circolare, ecco perché non sfugge.
@DarioOO: Nel contesto la frase * velocità netta * significa * velocità coordinata *, e questo cambia.Vedi ad esempio la mia risposta a [Velocità della luce in un campo gravitazionale?] (Http://physics.stackexchange.com/questions/77227/speed-of-light-in-a-gravitational-field).Ciò che è costante è la * velocità locale *, ovvero la velocità misurata da un osservatore nella sua posizione.Questo è sempre $ c $ anche se l'osservatore è in un frame non inerziale.
Quindi scusa, se puoi apportare qualche modifica alla risposta, trasformerei il mio -1 in un +1 :)
(scusate ancora eh XD) Comunque la velocità della luce non è indipendente dalla velocità di caduta dell'oggetto?Sembra che tu affermi che la velocità della luce finale è "C - velocità di caduta", mentre penso che la velocità della luce finale sia indipendente dalla velocità di caduta (o mi sbaglio)?
@DarioOO: Nelle coordinate GP l'osservatore in caduta è fermo, proprio come il tizio nel fiume.La velocità della luce è $ c $ rispetto a questo osservatore in caduta.Se torni alla mia analogia con il fiume, le coordinate GP sono di solito le coordinate stazionarie rispetto all'acqua.
È meglio che mi fermi a leggere le domande sulla velocità della luce e poi XD
Mi piace il modo di pensare "la gravità è una cascata".Infatti ricordo vagamente che la radiazione di Unruh ha anche un analogo naturale in termini di cascate.
#3
+8
vsz
2016-06-09 19:47:13 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Per spiegarlo in parole povere, senza utilizzare concetti avanzati:

Lo spazio è talmente deformato nell '"interno" del buco nero (cioè sotto l'orizzonte degli eventi) che si comporta in modo completamente diverso da quello che percepiamo di sentire sulla Terra.La "direzione verso l'esterno" semplicemente non esiste.

Ad esempio, qui sulla Terra, possiamo andare nelle tre dimensioni spaziali in entrambe le direzioni, ma nel tempo possiamo muoverci solo in avanti.Immagina che sulla "superficie" del buco nero, ovvero all'orizzonte degli eventi, le dimensioni spaziali abbiano una sola direzione: verso l'interno. Quest'ultimo paragrafo non vuole essere una descrizione accurata di come funzionano i buchi neri.È solo per concettualizzare come ci sono casi in cui esiste una sola direzione di una coordinata.

Mi rendo conto che stai cercando di fornire una descrizione non tecnica, ma ciò che hai detto è attivamente fuorviante.Non è vero che la direzione verso l'esterno non esiste.Quello che succede è che tutte le traiettorie esterne diventano simili allo spazio, cioè possono essere seguite solo da qualcosa che si muove più velocemente della luce.
@JohnRennie: hai un'idea per un fraseggio migliore?Sono felice di aggiornare la mia risposta in questo caso.Allo stesso modo, sarebbe sbagliato dire che la direzione all'indietro nel tempo non esiste, perché un'ipotetica particella che si muove più velocemente della luce si muoverebbe all'indietro nel tempo (da almeno un sistema di riferimento).
@JohnRennie Supponendo che FTL sia impossibile, c'è una differenza tra "non ci sono traiettorie verso l'esterno" e "per seguire una traiettoria verso l'esterno, devi andare FTL"?Se non riesco ad andare abbastanza veloce da entrare in un percorso verso l'esterno, non ci sono percorsi verso l'esterno, no?
@Shane: per inserirlo nel tuo styl.Se c'è una finestra impenetrabile che blocca ogni modo possibile per andare oltre il percorso ... significa questo, non c'è percorso?: P
#4
+2
thunder2709
2016-06-10 03:14:51 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La spiegazione che mi piace è così:

In GR, tutte le cose, dai pianeti ai fotoni, viaggiano in linea retta attraverso lo spazio curvo piegato dalla massa. I buchi neri piegano e distorcono lo spaziotempo in modo così grave che la curvatura cattura il fotone.

Scala le cose e si comporta più o meno allo stesso modo in cui gli asteroidi che passano possono essere catturati da una stella. Per noi, la velocità dell'asteroide (fotone) è rilevante solo fino al punto in cui oltrepassa la soglia di cattura, il punto di non ritorno e finisce nel pozzo gravitazionale della stella (buco nero). L'asteroide (fotone) non scapperà mai, le "pareti" del pozzo sono troppo alte. Ha importanza se siamo io o il miglior saltatore in alto del mondo ad essere intrappolato in fondo a una fossa, se i muri sono alti 15 metri? Nessuno dei due ha alcuna possibilità di scappare, il fatto che uno di noi possa saltare più in alto che una persona può saltare è irrilevante.

Il fatto che la luce vada il più velocemente possibile è una falsa pista simile. Ciò che conta è che sia entrato in una situazione da cui non c'è scampo. La velocità della luce non è una carta per uscire gratis di prigione più dei saltatori in alto.

#5
+1
user5174
2016-06-09 20:54:59 UTC
view on stackexchange narkive permalink

L'immagine che mi è sempre piaciuta è quella di un osservatore in caduta libera nel buco nero, quando è appena fuori dall'orizzonte degli eventi, sembra che l'orizzonte degli eventi si stia propagando verso l'esterno quasi alla velocità della luce.Dopo che l'osservatore è caduto appena dentro, l'orizzonte degli eventi ora sembra che si stia propagando verso l'esterno a una velocità maggiore rispetto alla velocità della luce.

#6
+1
Paul Smith
2016-06-10 15:11:45 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La risposta è che non ha nulla a che fare con luce, c, buchi neri, orizzonti degli eventi o relatività.È semplicemente velocità di fuga.Sappiamo che due corpi si attraggono con una forza $ f = G \ frac {M m} {d ^ 2} $ e sappiamo che qualcosa è in un'orbita stabile quando la sua energia potenziale $ PE = -GMm / d $ corrispondela sua energia cinetica $ KE = m {v ^ 2} / 2 $.Risolvete questi due per la velocità e otterrete che la velocità necessaria per un'orbita è $ {V_o} = \ sqrt {\ frac {2GM} {r_o}} $.Quindi qualsiasi velocità maggiore di $ V_o $ lo farà lasciare l'orbita e allontanarsi.L'attrazione dalla gravità lo rallenterà ma non lo fermerà mai, quindi in effetti è "sfuggito" ed è per questo che a volte viene chiamato $ V_ {esc} $.Tuttavia, qualsiasi velocità inferiore a $ V_o $ significa che alla fine tornerà.

Man mano che la distanza $ d $ si riduce o la massa $ M $ aumenta, il valore $ V_o $ aumenta. Per un corpo che parte dalla superficie della terra, per scendere (e rimanere fuori) dalla superficie, $ V_o $ è di circa 11 chilometri al secondo. Sulla superficie del nostro sole sono circa 620 km / s. Se tutta la massa del nostro sole fosse compressa a metà della sua dimensione attuale, $ V_o $ raddoppierebbe. Se continuassi a comprimere il sole fino a quando il suo raggio era di circa 3 km, $ V_ {esc} $ raggiungerebbe e supererebbe la velocità della luce (noto come raggio di Schwarzschild ). Se tu fossi sulla superficie di un tale corpo e avessi puntato una luce al tuo amico che era al di fuori di questo limite, vedresti il ​​raggio allontanarsi da te alla velocità della luce verso di loro ma la luce non viaggia abbastanza veloce da sfuggire alla gravità non potrebbe mai raggiungere il tuo amico. Allora come può essere? Come hai sottolineato, $ c $ è costante per tutti gli osservatori e la velocità è solo la distanza nel tempo e non puoi fare nulla per modificare la distanza. Questo lascia solo tempo. Affinché $ c $ rimanga costante nel tuo quadro di riferimento, il tuo tempo dovrebbe rallentare fino al punto in cui si ferma effettivamente. Senza tempo, non ci può essere distanza, e senza distanza, non ci possono essere dimensioni ed è per questo che la chiamiamo singolarità.

#7
-2
Bill Alsept
2016-06-09 20:12:14 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La risposta breve è che la velocità della luce è costante finché non lo è.È costante finché non si scontra con un muro ed è costante finché non viene influenzato dalla gravità.L'estrema gravità di un buco nero devierà sempre di più il percorso dei fotoni fino a quando finalmente all'orizzonte degli eventi tutta la deflessione sarà verso il buco nero.

#8
-4
Neil
2016-06-09 19:42:15 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non è il detto "La velocità della luce è costante 'in un vuoto'"?

La parte "nel vuoto" viene comunemente persa (allo stesso modo, "'The il denaro di ' è la radice di tutti i mali", viene spesso citata erroneamente).

Se un buco nero non è un vuoto (perché a un certo punto le particelle sono abbastanza vicine tra loro non è più un vuoto), la velocità della luce rallenta.Ad esempio, la velocità della luce nell'aria è di circa 90 km / s più lenta di un'aspirapolvere (non molto, ma è così).

Temo che questo sia piuttosto lontano dal segno.La velocità coordinata della luce rallenta quando ti avvicini a un buco nero a causa della curvatura dello spaziotempo.Questo è vero in un vuoto completo e non dipende dalla presenza di particelle.Vedere [Velocità della luce in un campo gravitazionale?] (Http://physics.stackexchange.com/questions/77227/speed-of-light-in-a-gravitational-field) per i dettagli.
Ho pensato anche a questo.ma questo sarebbe se lo facessi bene, significherebbe comunque assicurarmi che mai la luce potrebbe fuoriuscire, richiederebbe particelle infinite (-> massa infinita) per essere all'interno.
Questo non fornisce una risposta alla domanda.Per criticare o richiedere chiarimenti a un autore, lascia un commento sotto il suo post.- [Dalla recensione] (/ review / low-quality-posts / 134170)
@honeste_vivere: Sì, anche se è una risposta _errata_.Si prega di non abusare del sistema di revisione per denotare risposte con le quali non siete d'accordo;voto negativo, invece.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...